liturgia
Teologia e liturgia, il divorzio impossibile

"Non solo preghiamo ciò che crediamo, ma crediamo anche ciò che preghiamo" di Peter Kwasniewski

"I foglietti della domenica? una fiera delle banalità"

Riproponiamo un'intervista di 30Giorni allo psicanalista Giacomo Contri: "Mi interesso del legame tra logica e linguaggio. Torna il pericolo gnostico di ridurre e trasformare la persona storica e reale di Cristo ad un principio universale.... di Stefania Falasca

Il valore perenne del confessionale tradizionale

"Il sacramento della Penitenza si celebra in un luogo sacro e privilegiato, e quella sede è fonte della guarigione divina che avviene con la ricezione del perdono di Dio" di John J. Coughlin, OFM

Pietra viva: la bellezza dell'altare liturgico

"Le cose belle manifestano la forza attraente della Verità" di Randy Stice

"Bene et firmiter"

Breve storia della custodia dell'Eucaristia di dom Cassian Folsom osb

Un concerto di gloria

L'autentica bellezza nell'arte sacra di p. Uwe Michael Lang

Una riflessione seria sul canto gregoriano

Il canto gregoriano: un estraneo in casa sua. Il canto dell’assemblea liturgica fra risorsa ed equivoco di Fulvio Rampi *

Un modello da seguire

Intervista a mons. Guido Marini, maestro delle celebrazioni del Santo Padre di D. Enrico Finotti

Cañizares: «Gli abusi liturgici abbondano, dobbiamo riscoprire il Vaticano II»

Il cardinale Prefetto del Culto divino presenta la riorganizzazione del dicastero e il nuovo dipartimento per la musica e l’arte: «Le chiese non sono semplici luoghi di riunione, ma luoghi dell’incontro con il mistero di Dio» di Andrea Tornielli

L'arte sacra e la sua relazione con il culto cristiano

"E' il tempo dell'Evangelizzazione, quella nuova e quella di sempre, e per questo è il tempo dei veri adoratori e degli artisti" di mons. Juan-Miguel Ferrer Grenesche

L'adorazione eucaristica oggi, un soffio dello Spirito

"Presente e futuro delle Opere Eucaristiche della Chiesa, nel contesto della Nuova Evangelizzazione". Relazione di mons. Juan-Miguel Ferrer y Grenesche, tenuta a Valencia il 24/11/2012, nel 50° della Federazione Mondiale delle Opere Eucaristiche di mons. Juan-Miguel Ferrer Grenesche

"Il canto sacro, unito alle parole, è parte necessaria ed integrante della liturgia solenne"

Discorso ai partecipanti all'incontro promosso dall'Associazione "Santa Cecilia" (10 novembre 2012)

Card. Canizares: «Celebro in rito antico per far comprendere che è normale usarlo»

Il cardinale Cañizares spiega perché ha accettato di presiedere in San Pietro la messa di sabato per i fedeli del pellegrinaggio «Una cum Papa nostro» di Andrea Tornielli

Senza la centralità di Cristo non c'è liturgia

"Non è il singolo - sacerdote o fedele - o il gruppo che celebra la liturgia, ma essa è primariamente azione di Dio attraverso la Chiesa" (Benedetto XVI, Udienza del 3 settembre '12)

Per una liturgia orientata verso Dio

"Viviamo bene la liturgia se rimaniamo in atteggiamento orante, non se vogliamo 'fare qualcosa', farci vedere o agire, ma se orientiamo il nostro cuore a Dio (Benedetto XVI, Udienza 26 settembre 2012)

"La santità dell’Eucaristia esige che si celebri e si adori questo Mistero consapevoli della sua grandezza"

Messaggio del Papa in occasione della 62a assemblea generale della CEI (Assisi, novembre 2010)

O bellezza antica e sempre nuova. Una riflessione sull'architettura sacramentale

"La questione oggi è come esprimere al meglio quei rapporti ineffabili che erano codificati nell'architettura tradizionale. Gli stili che formavano la memoria dell'architettura cattolica sono un ricco tesoro di fonti d'architettura da cui... di Steven Schloeder

Una bella Chiesa, finalmente

Intervista a Mons. Athanasius Schneider alla vigilia della consacrazione della nuova Cattedrale di Karaganda, visibile opera d'arte a servizio dell'evangelizzazione di Paul De Maeyer

Casa di Dio o della comunità? Il mito della 'domus ecclesiae'

"La liturgia e l'ambiente liturgico esprimono e partecipano ad una più grande realtà sacramentale, oltre i confini dell'assemblea locale" di Steven Schloeder

Quell'Ultima Cena con le sedie vuote

«Per molti» e non «per tutti», l'invito universale che ognuno è libero di rifiutare: è necessario il libero assenso della creatura all'opera del Redentore, la redenzione soggettiva equivale al nostro appropriarci del dono di S.E. Mons. Bruno Forte