Il popolo del presepe

Cesano, ancora un successo per la sesta edizione del presepe vivente

È nato nel 2010 il famoso presepe vivente di Cesano, estrema periferia nord della Città, grazie all’intraprendenza del Parroco Don Federico Tartaglia, che ogni anno, insieme alla valida collaborazione della “ProLoco” riesce a coinvolgere quasi un centinaio di figuranti, per non parlare del backstage, del lungo lavoro di preparazione dei costumi e allestimento della scenografia, nell’ampia area parrocchiale della Chiesa di San Sebastiano in Via della Stazione di Cesano 402.

L’edizione di quest’anno, il 22 e 23 dicembre, dalle sette alle nove di sera, che ha richiamato centinaia di visitatori, chiamati ad “immergersi” nella magica storia del presepe, grazie alla sapiente ricostruzione degli ambienti della Terrasanta di duemila anni fa, comprendente anche una piccola sinagoga nella quale nientemeno che il Parroco, come gli antichi maestri d’Israele, è lì a tenere ai bambini una piccola lezione di sacra scrittura!

Grandi e piccini, con i loro caratteristici costumi d’epoca, danno vita alla storia sacra della nascita del Figlio di Dio. Compresi nel loro ruolo, Maria e Giuseppe, ma anche tanti figuranti di arti e mestieri capaci di coinvolgere gli spettatori offrendo loro non solo lo spettacolo artigianale d’una volta ma anche uno spuntino nell’apposita locanda. Cosa che tutti mostrano di gradire. 

La notte di Natale, dopo la Messa di Mezzanotte, una piccola rappresentanza di questo grande popolo del presepe ha rievocato la nascita del Signore nella capanna di Betlemme. Ma il gran finale ci sarà il 5 gennaio, sempre a partire dalle 19 e fino alle 21, con l’arrivo dei Re Magi e un simpatico concerto gospel.   (Red. - r.l.)
 
 
 
 
 
Stampa news